SE TI SBARAZZI DI LUI NOI CI SBARAZZIAMO DI TE
Campagna di promozione sociale contro l'abbandono degli animali
DENUNCIA I DISSERVIZI DEL TUO QUARTIERE
I tuoi commenti serviranno a far sì che il blog sia in linea con le vere problematiche che affliggono la nostra città
Altri articoli

Commenti recenti

Blogroll

Bambini autistici – Le strutture pubbliche di Palermo negano il diritto alla riabilitazione

Pubblicato il 02/03/2010
Pubblicato in Senza categoria | 2 Commenti »

L’autismo è una patologia della comunicazione particolarmente complessa, definibile per mezzo di pochi ed essenziali elementi di inquadramento diagnostico.Molti luoghi comuni ai quali credono in molti ancora oggi, costituiscono una forte limitazione alle possibilità di superamento della grave sintomatologia che caratterizza questa sindrome, impedendo di conseguenza il raggiungimento di risultati fino ad un tempo considerati impossibili da ottenere.

A Palermo, 5000 famiglie con soggetti autistici a carico, lamentano un interesse inesistente da parte delle istituzioni, che non mettono in pratica la legge già esistente sui diritti della persona autistica.Nelle strutture pubbliche del palermitano vengono riabilitati solo una cinquantina di bambini autistici, contro le circa 5000 diagnosi dello stesso territorio. Solamente l’1% delle famiglie riesce quindi ad ottenere una riabilitazione dei loro figli presso strutture sanitarie pubbliche locali. Il restante 99% è costretto ad affidarsi a terapisti privati, con oneri spesso molto importanti che influiscono pesantemente sul bilancio familiare. Le liste d’attesa per la riabilitazione nelle strutture pubbliche varia da un minimo di un anno e mezzo, fino a superare i 3 anni di attesa, tempo che l’autismo non può concedersi di aspettare.

Nonostante la situazione sia eclatante, le famiglie sono state totalmente ignorate.

Antonio Gramsci disse che l’indifferenza è il peso morto della storia.Ed è qui allora che la condivisione della cultura e delle problematiche sociali diventa uno strumento di lotta.

Le istituzioni non possono lavarsene le mani dicendo sempre: “stiamo provvedendo..”anche perché sappiamo benissimo che è  la solita risposta inconcludente.

Cari politici, fatevi un giro negli ospedali a “visitare” i bambini affetti da questa patologia. Non credo ve ne andrete indifferenti..almeno mi auguro.

I bambini affetti da sindrome autistica hanno diritto ad una qualità di vita migliore. E’ necessario diffondere l’uso di strategie educative specifiche e adeguate alle caratteristiche del disturbo allo scopo di realizzare interventi psico- socio- educativi mirati al raggiungimento del miglior grado di autonomia possibile e all’acquisizione di capacità comunicative e sociali essenziali alla realizzazione della persona come cittadino dotato di diritti.

Condividi:

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Print

Potrebbero inoltre interessarti...

  1. All’ospedale dei bambini mancano le lenzuola La risposta? Portatele da casa!
  2. Quando l’asilo nido diventa un miraggio

2 commenti a “Bambini autistici – Le strutture pubbliche di Palermo negano il diritto alla riabilitazione”

  1. alessandra ha scritto:
    il 03/03/2010 alle 08:22

    fate bene a scrivere articoli su problematiche sociale e “denunciare”l’inesistenza delle istituzioni.è vergognoso!!

  2. Chiara ha scritto:
    il 03/03/2010 alle 17:25

    Occorre uno sforzo straordinario di concentrazione individuale e collettiva per dare centralità ai bisogni di questi bambini , che rischiano di rimanere invisibili agli “occhi di ogni fretta ed abitudine” .E’ tristissimo avere la sensazione di dovere “elemosinare”aiuto alle istituzioni.

Lascia un commento




È permesso l'uso dei seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>