SE TI SBARAZZI DI LUI NOI CI SBARAZZIAMO DI TE
Campagna di promozione sociale contro l'abbandono degli animali
DENUNCIA I DISSERVIZI DEL TUO QUARTIERE
I tuoi commenti serviranno a far sì che il blog sia in linea con le vere problematiche che affliggono la nostra città
Altri articoli

Commenti recenti

Blogroll

Turismo sessuale e pedofilia

Pubblicato il 22/03/2010
Parole chiave: , ,
Pubblicato in Eventi | 1 Commento »

La pubblicizzazione dei gravissimi reati commessi nell’ambito sessuale nei confronti dei minori, hanno da tempo rinfocolato in Italia e nel mondo il dibattito sulla necessita` della lotta nei confronti dei comportamenti di tipo pedofilo nelle reti telematiche.

A questo proposito va ricordato che l’argomento relativo alla diffusione di contenuti illegali o dannosi su Internet, e` da tempo,con specifico riguardo alla pornografia minorile per via telematica, all’attenzione delle maggiori organizzazioni internazionali(Unione Europea, OCSE, Consiglio d’Europa, Nazioni Unite) che si sono occupate o si stanno occupando attivamente del problema.

Il fenomeno della prostituzione infantile non è purtroppo una novità. Esistono testimonianze, risalenti addirittura al XV secolo, che indicano come questo turpe commercio ai danni di chi non può difendersi sia una costante nella storia dell’umanità. Ai nostri giorni il dito viene puntato contro il turismo internazionale, fondatamente considerato il massimo responsabile del fatto che oltre due milioni di bambini vengano costretti a prostituirsi, di questi 500.000 vivono in Brasile e il resto soprattutto nell’Asia meridionale e orientale. Il giro d’affari di questa “nicchia” di mercato sommerso si aggira attorno ai cinque miliardi di dollari, e i “clienti” provengono dai paesi più ricchi della Terra: Stati Uniti, Germania, Giappone, Australia, Regno Unito.

E quanto è grande il perverso fenomeno della pedo-pornografia nella nostra Regione? Cosa dice la legge italiana ed internazionale a proposito? Quali sono le nuove regole pensate per contrastare questa situazione? Quali i limiti e le possibilità offerte per gli avvocati? Ed infine, quale è il profilo psicologico del pedofilo?

Di questi argomenti,si parlerà martedì 23 marzo alle 14 al cinema Jolly in via Domenico Costantino 54, nel corso del convegno formativo intitolato “Turismo sessuale e reati pedo-pornografici – Profili penalistici e criminologici” organizzato dall’Aiga,l’Associazione italiana giovani avvocati.

Nella sala da oltre 400 posti parleranno,si informeranno e confronteranno numerosi addetti ai lavori ed esperti su campo che hanno toccato con mano,da un punto di vista legale, questi problemi legati alla nostra società. L’acme del tema si raggiungerà nell’approfondimento dedicato alla tipologia di tutela per queste vittime e come trattare l’argomento in sede legale.

Introdurrà la giornata l’avvocato Nino Sanseverino, Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Palermo.

Interverranno: il criminologo Nicola Malizia,l’avvocato del Foro di Palermo Raffaele Bonsignore e il Sostituto procuratore del tribunale di Palermo Carlo Lenzi. Coordinerà l’incontro l’avvocato e vicepresidente dell’Aiga Enrico Tignini.

Condividi:

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Print

Potrebbero inoltre interessarti...

  1. Intervista all’imprenditore Tommaso Dragotto: globalizzazione, sviluppo e turismo.
  2. Food and Sicily 2010 Al San Paolo Palace Hotel una tre giorni per promuovere i prodotti e il turismo siciliani

Un commento a “Turismo sessuale e pedofilia”

  1. carla ha scritto:
    il 22/03/2010 alle 12:33

    è una vergogna, se penso che ci sono ad oggi milioni di casi in cui il turismo sessuale è protagonista, bambini e donne maltrattate e costrette a prostituirsi, certamente non è facile combattere tale fenomeno, ma parlarne durante convegni e nelle scuole tra i giovani è comunque un piccolo allarme che serve, mi auguro solo che chi ha subito tali danni psico-fisici abbia il coraggio di denunciare l’accaduto, purtroppo molti non lo fanno, sbagliando e non accorgerdosi così di favorire questo catastrofico “fenomeno” sociale !

Lascia un commento




È permesso l'uso dei seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>