SE TI SBARAZZI DI LUI NOI CI SBARAZZIAMO DI TE
Campagna di promozione sociale contro l'abbandono degli animali
DENUNCIA I DISSERVIZI DEL TUO QUARTIERE
I tuoi commenti serviranno a far sì che il blog sia in linea con le vere problematiche che affliggono la nostra città
Altri articoli

Commenti recenti

Blogroll

Rai, il Tgr Sicilia verso lo spostamento sul digitale terrestre. Lombardo: “Scelte che penalizzano l’informazione regionale”

Pubblicato il 09/09/2010
Parole chiave: , ,
Pubblicato in Eventi | Nessun commento

Il Comitato di redazione della Tgr Sicilia “condivide pienamente le posizioni espresse dall’esecutivo dell’Usigrai e dal coordinamento dei cdr della Tgr sullo spostamento della terza edizione del telegiornale regionale sul digitale terrestre. Uno spostamento ancora più inammissibile considerato che in diverse regioni, e la Sicilia é tra queste, non c’é ancora stato il passaggio definitivo al digitale”.

“Ciò che più colpisce – spiega il Cdr in una nota – è la totale assenza di pianificazione e di concertazione sindacale su scelte che vanno a modificare radicalmente l’offerta informativa della Tgr causando un black out dalle 20 alle 7 del mattino. Scelte che, tra l’altro, penalizzano gli utenti del servizio pubblico che avrebbero invece diritto a spazi maggiori per l’informazione locale e non rispondono neanche a criteri di risparmio aziendale. Ci si chiede allora quale sia il progetto editoriale visto anche che a tutto ciò si aggiunge l’assoluta mancanza di informazioni certe sul destino di rubriche e canali tra i quali anche Mediterraneo e Rai Med”.

“La Rai sta compiendo scelte che penalizzano l’informazione regionale e marginalizzano le realtà locali: l’esatto contrario di quella che era stata presentata come la nuova stagione del federalismo informativo”. Lo dice il Presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, a sostegno delle azioni di “resistenza” ai nuovi piani editoriali, annunciate dal sindacato dei giornalisti della sede Rai dell’isola. “Nei mesi scorsi – continua Lombardo – abbiamo manifestato ai vertici Rai la disponibilità della Regione a sostenere, dal punto di vista editoriale, la sede Rai regionale, che oltre a produrre i tg regionali, è storica redazione sia della rubrica ‘Mediterraneo’, che della rete ‘RaiMed’: la Sicilia è infatti l’unica regione a statuto speciale che non abbia ottenuto dalla Rai un contratto di servizio mirato al sostegno delle sue caratteristiche autonomistiche”.

“Lo spostamento della terza edizione del Tgr sul digitale terrestre di fatto oscurerebbe, in Sicilia, una importante finestra informativa”. Lo dice Antonello Cracolici, presidente del gruppo PD all’Ars. “La Sicilia – aggiunge – sarà l’ultima regione, insieme alla Calabria, ad adottare il passaggio definitivo al digitale nel 2012, è impensabile che il servizio pubblico non rispetti questo calendario. Mi auguro che prevalga il buonsenso e che la Rai riveda la propria posizione e garantisca a tutti i cittadini il diritto ad essere informati”.

Fonte: Ansa

Condividi:

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Print

Potrebbero inoltre interessarti...

  1. Sondaggio di Demopolis : i siciliani non conoscono lo Statuto regionale
  2. In arrivo 5 milioni per il cinema in sicilia
  3. Disabili: sospesi gli aiuti. Stop alle prestazioni garantite da cooperative pagate dal comune
  4. Se queste sono delle istituzioni? Cammarata e Lombardo litigano per un sms. E i palermitani stanno a guardare?
  5. Spettacoli:nel 2011 cartellone unico ‘Palcoscenico Sicilia’
  6. Sicilia chiama Russia
  7. Una bella notizia…I cantieri culturali della Zisa di Palermo saranno il centro delle attività cinematografiche della Sicilia
  8. Troppe ambulanze in Sicilia e la Corte dei Conti chiede 39 milioni di danni
  9. FIAT:l’ira di Lombardo
  10. Lavoro:alla Sicilia il primato negativo

Lascia un commento




È permesso l'uso dei seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>