SE TI SBARAZZI DI LUI NOI CI SBARAZZIAMO DI TE
Campagna di promozione sociale contro l'abbandono degli animali
DENUNCIA I DISSERVIZI DEL TUO QUARTIERE
I tuoi commenti serviranno a far sì che il blog sia in linea con le vere problematiche che affliggono la nostra città
Altri articoli

Commenti recenti

Blogroll

Generazione Anni 80: Super Santos o Super Tele?

Pubblicato il 27/04/2011
Parole chiave: , ,
Pubblicato in Senza categoria | 6 Commenti »

Il terzo appuntamento di ‘Generazione Anni 80‘ è dedicato ad un post che ho scritto due anni fa e che ripropongo con estremo piacere. Protagonista il dilemma: Super Santos o Super Tele?

Negli anni 70 e 80, molto prima dell’avvento di Fifa e Iss Pro Evolution Soccer, si giocava a calcio in strada, dovunque era possibile. Bastavano due porte artigianali, magari costruite solo con quattro pietre che delineavano i pali con traversa immaginaria ed un pallone.

Ed a proposito di quest’ultimo (essenziale), c’era un match nel match: Super Santos o Super Tele? Dilemma che ha attraversato generazioni e generazioni di giovanissimi calciatori e giovanissime pallavoliste.

Un po’ di storia, innanzitutto.

Il Super Santos, prodotto dalla ditta Mondo, era contraddistinto dagli storici colori dell’arancione e del nero. La sua diffusione in Italia cominciò negli anni 70 e pesava 280 grammi, mentre il diametro era direttamente proporzionale alla pressione di gonfiaggio.

Il Super Tele nacque in Italia nel 1972, ideato da un industriale della Valle Padana che voleva creare un pallone economico e resistente. L’idea base era quella di ottenere un oggetto in grado di resistere ad una pressione di circa 0,8 atmosfere una volta gonfiato d’aria, sfruttando la minore quantità possibile di materiale.

Ma analizziamo le particolari differenze tra l’uno e l’altro.

Il Super Santos costava di più del Super Tele. Quest’ultimo, tuttavia, era il nemico numero uno dei portieri (spesso tristi e depressi per essere finiti in porta dopo una giocata persa al pari e dispari): con un calcio di media potenza, il pallone italiano raggiungeva non solo una velocità pari ad un boeing 747 ma delineava una traiettoria da Holly e Benji. E se c’era vento, poteva accadere persino di sfidare le leggi elementari della fisica.

Inoltre, se il malcapitato guardiano della rete decideva di opporsi ad un tiro di puntazza (ovvero calciato con la punta della scarpa) con ineffabile audacia, poteva seriamente rischiare di subire un trauma cranico o alla gabbia toracica, in relazione alla parte utilizzata per compiere la prodigiosa parata.

Ecco perché molti portieri, quando un difensore-centrocampista-attaccante si preparava alla puntazza (che poteva essere arraggiata), preferivano subire il goal piuttosto che tentare di parare il tiro (anche perché così toccava ad un altro prendere il suo noiosissimo posto).

Col Super Santos, invece, l’effetto era ridotto ai minimi termini e si giocava in maniera diversa: si limitavano, ad esempio, i tiri da lontano, anche perché se si arroccava, occorreva ricomprarlo (ed ho già scritto che era più caro del suo concorrente). Era la prima scelta, nel caso ci fosse stata la possibilità di optare tra lui e il Super Tele: era come scegliere oggigiorno tra un Nokia e un Motorola.

Solo un terzo incomodo poteva annientare in un solo attimo l’autorità del Super Santos: il pallone di cuoio, che per molti zisani come me degli anni 80 era un miraggio, un’oasi in mezzo al deserto.

La differenza di duemila lire conseguiva che il Super Santos era borghese mentre il Super Tele era operaio. Il primo era considerato più professionale dell’antagonista, meno incline all’effetto “cucuzza“ (cioé al diventare simile al pallone da rugby dopo l’uso prolungato).

E voi quale preferivate?

Puntate precedenti:

Condividi:

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Print

Potrebbero inoltre interessarti...

  1. Generazione anni 80: la Super Condor e le ‘battaglie’ a cielo aperto
  2. Generazione anni 80: perché i cartoni animati erano tristi?
  3. 50 anni fa il primo volo nello spazio di Yuri Gagarin
  4. Votare a 16 anni: siete d’accordo?
  5. Palermo candidata agli Europei di calcio del 2016? Un calcio in faccia ai problemi della città

6 commenti a “Generazione Anni 80: Super Santos o Super Tele?”

  1. Jeps ha scritto:
    il 27/04/2011 alle 09:02

    Super Santos…era un po più pesantino :)
    Anche se il massimo è stato il TANGO! :) ))

  2. Giovanni V. ha scritto:
    il 27/04/2011 alle 15:31

    Io sono della scuola “Super Santos”: più resistente rispetto al Tango e meno imprevedibile rispetto al Super Tele :-)

  3. Francesco ha scritto:
    il 27/04/2011 alle 18:03

    Tra i 2 scelgo il SUPER SANTOS. Vorrei anche segnalare che allora c’ era anche il pallone DERBY, in versione tutto giallo o bianco che era nettamente superiore rispetto ai 2 modelli in oggetto e un’ po inferiore al TANGO.

  4. Danilo Matranga ha scritto:
    il 27/04/2011 alle 18:29

    Super Santos! L’ultimo l’ho comprato lunedì per la classica scampagnata della pasquetta… :)

  5. Fabio M. ha scritto:
    il 27/04/2011 alle 18:35

    Super Santos in primis, poi super tele ed infine il TANGO!

  6. Marco Giglio ha scritto:
    il 09/05/2011 alle 13:00

    Super Santos, non saro’ stato Zisano, ma in piazza beati paoli (stavo al capo) il super tele faceva la fine dei tenerumi dopo una giornata di lavori, bastava un niente per farlo bucare.
    Un Super Santos mi duro’ ben 6 anni superando steccati, muri con i vetri e “spuntuni”, l’arroccagine fu la fine della nostra amicizia… lo vidi per l’ultima volta sopra un tetto insieme alla mia infanzia…e li’ continuano ancora a giocare…

Lascia un commento




È permesso l'uso dei seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>