SE TI SBARAZZI DI LUI NOI CI SBARAZZIAMO DI TE
Campagna di promozione sociale contro l'abbandono degli animali
DENUNCIA I DISSERVIZI DEL TUO QUARTIERE
I tuoi commenti serviranno a far sì che il blog sia in linea con le vere problematiche che affliggono la nostra città
Altri articoli

Commenti recenti

Blogroll

Dragotto ad Armao: “Le società regionali sono in attivo o in passivo?”

Pubblicato il 28/11/2011
Parole chiave: , ,
Pubblicato in Politica | Nessun commento

“Le dichiarazioni dell’assessore regionale all’Economia, Gaetano Armao, ci confortano. Se la Regione siciliana ha iniziato un percorso di risanamento, la notizia non può che farci piacere e non può che fare piacere ai siciliani che lavorano, che pagano le tasse e che si aspettano dalla pubblica amministrazione risposte certe per il loro futuro e per il futuro dei loro figli”.

Lo afferma Tommaso Dragotto, leader di “Impresa Palermo”, commentando le dichiarazioni che l’assessore Armao ha rilasciato durante la presentazione del Rapporto Res.

“Tuttavia – aggiunge Dragotto – da imprenditore che crede nella capacità delle imprese di creare lavoro vero, non mi spiego come mai, nell’arco di un decennio, la Regione si ritrovi con oltre trenta società pubbliche delle quali è azionista, in molti casi di maggioranza. Ricordo che alla fine degli anni ‘90 vennero posti in liquidazione gli enti economici storici della Sicilia: Ems (Ente minerario siciliano), Espi (Ente siciliano per la promozione industriale) e Azasi (Ente asfalti siciliani). Con l’impegno che, mai e poi mai, la Regione avrebbe riprovato a improvvisarsi ‘imprenditrice’. Invece, adesso, come leggo sui giornali e come ho già ricordato, ci sarebbero oltre trenta società regionali. E la cosa mi lascia perplesso”.

“Sarebbe interessante sapere – conclude Dragotto – se queste società regionali sono in attivo o in passivo. A me risulta che siano in pesante passivo. L’assessore Armao, che ha a cuore il risanamento dei conti pubblici, dovrebbe informare i siciliani sullo stato di queste società, anche per informare correttamente e democraticamente gli ignari contribuenti della nostra Isola che, alla fine, mantengono queste società e i loro tanti dipendenti con le loro tasse”.

Condividi:

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Print

Potrebbero inoltre interessarti...

  1. I nostri deputati regionali hanno paura di noi: c’è aria di antipolitica.
  2. In aumento assenze per malattie dei dipendenti regionali
  3. Le nostre scuole sono insicure
  4. Le decisioni del Governo e la manovra anticrisi : la Sicilia in bilico
  5. La città non è fatta solo di pietre. La città sono gli uomini e le persone che la vivono
  6. ”Palermo-Monreale-Cefalù” candidati alla World Heritage List
  7. A Panarea il vulcano è attivo
  8. Se queste sono delle istituzioni? Cammarata e Lombardo litigano per un sms. E i palermitani stanno a guardare?
  9. L’assessore Clemente: “Non è vero che le tombe dei Rotoli sono abbandonate”
  10. Anche a Palermo i giovani sono ‘indignados’?

Lascia un commento




È permesso l'uso dei seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>