SE TI SBARAZZI DI LUI NOI CI SBARAZZIAMO DI TE
Campagna di promozione sociale contro l'abbandono degli animali
DENUNCIA I DISSERVIZI DEL TUO QUARTIERE
I tuoi commenti serviranno a far sì che il blog sia in linea con le vere problematiche che affliggono la nostra città
Altri articoli

Commenti recenti

Blogroll

Il Movimento Impresa Palermo contro il voto di scambio

Pubblicato il 29/11/2011
Parole chiave: , , ,
Pubblicato in Politica | 16 Commenti »

La scorsa volta ci sono stati candidati che hanno lasciato buste coi soldi dentro. Ma uno si è ribellato e ha restituito tutto quanto al mittente, dicendogli che avrebbe votato per chi avrebbe scelto lui”, ha raccontato un cittadino. Un altro, invece, ha detto: “Qui si presentavano coi sacchetti pieni di pasta e beni di prima necessità e così cercavano di convincere la povera gente a votarli”.

Questi sono soltanto due dei racconti che i ragazzi di ‘Impresa Palermo’,  che dal 10 ottobre scorso sono in giro per la città, quotidianamente e assiduamente, per proporre il sondaggio: “Solito politico o volto nuovo?, hanno raccolto tra la gente dei quartieri periferici della città.

Le elezioni amministrative palermitane, infatti, sono lontane solo pochi mesi e la campagna elettorale, seppur non ufficialmente, è già cominciata con tutti i suoi pregi e difetti: più i secondi dei primi perché a Palermo si è già attivata la paura per la macchina del ‘voto di scambio‘.

Storie di ordinaria amministrazione in una città come la nostra, dove ad alcuni sembra che interessi più un tornaconto personale che il perseguimento del bene comune, cercando di accaparrare l’agognato seggio in tutti i modi possibili, comprando letteralmente il voto, sfruttando soprattutto le situazioni di precarietà dei cittadini dei quartieri più disagiati di Palermo (per colpa di chi?)

Ma ai ragazzi di Impresa Palermo in molti  si sono avvicinati perché stanchi di questa modalità di agire di certi soggetti che, avidi del potere, affezionati ai privilegi, s’accostano all’elettore solo nel momento del bisogno (leggasi voto) e poi, ad elezioni concluse, scappano senza farsi più vedere.

A proposito di questo, il leader del Movimento, Tommaso Dragotto, ha affermato: “Mi sento vicino a tutti quei concittadini sdegnati da questo preistorico ed offensivo modo di fare politica. La nostra città ha bisogno di tornare ad essere la Palermo bellissima di un tempo, grazie ad un’amministrazione sana ed al servizio del cittadino“.

Il Movimento Impresa Palermo, che vuole dare una svolta alla città ed è promotore di un nuovo modo di fare politica (trasparente e al servizio di tutta la società nel suo insieme e non degli interessi privati dei singoli), sia ben chiaro, condanna fermamente la compravendita del consenso, in quanto scegliere un amministratore perché ha pagato una bolletta della luce o ha riempito un sacchetto con pane e pasta rappresenta una grave offesa alla dignità dei cittadini.

Condividi:

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Print

Potrebbero inoltre interessarti...

  1. Impresa Palermo, il Movimento che vuole cambiare la città
  2. “Il voto come strumento di democrazia”
  3. ‘Movimento Impresa Palermo’: iscriversi è semplice
  4. Maroni e Alfano:”meglio tornare al voto”
  5. Evento Musicale Movimento Impresa Palermo – I Luna Rossa Tributo a Renzo Arbore
  6. Impresa Palermo lancia il via ai progetti per la “ città che sogniamo”
  7. Impresa Palermo in piazza a Mondello
  8. A tutti quelli che credonono nel nostro movimento
  9. Presentazione video ” Impresa Palermo”
  10. Il primo incontro esecutivo di Impresa Palermo

16 commenti a “Il Movimento Impresa Palermo contro il voto di scambio”

  1. Zanzara ha scritto:
    il 29/11/2011 alle 11:40

    Purtroppo in Sicilia il clientelismo è il modo normale di fare politica da sempre.

  2. giuseppina marrone ha scritto:
    il 29/11/2011 alle 12:10

    Secondo voi esagero se paragono il voto di scambio a un “rapporto bilaterale e fugace privo di moralita`”?
    Tu mi fai un “favore” e io ti pago …. e agnieddhu e sucu e finiu u vattiu…..
    E, a pensarci bene, non e` mortificante mettere nel piatto la propria dignita` in cambio di un sacchetto di pasta? E se …dopo…. il politico che con tanta sollecitudine si e` presentato a casa tua offrendoti di che mangiare e assicurandoti che “per qualunque cosa mi venga a trovare”, e tu sai bene che lui non ti deve piu` niente e che piu` niente fara` per te, perche` ti ha pagato, ….. ma DOPO DI CHE TI LAMENTI SE NON FUNZIONA NIENTE?
    dopo, l’unica cosa da fare e` “sucarisi un beddhu prunu”! OCCHIO RAGAZZI E NON VOTATE PARTITI NAZIONALI CHE CI VENDONO A ROMA….OCCHIO!

  3. ettore ha scritto:
    il 29/11/2011 alle 12:36

    il fatto è che per necessità o per opportunismo spesso chi riceve “L’offerta” non denuncia il fatto…

  4. Billy Elliot ha scritto:
    il 29/11/2011 alle 12:38

    In Sicilia è impossibile farne a meno.
    Anche Dragotto ne farà utilizzo

  5. Walter Giannò ha scritto:
    il 29/11/2011 alle 12:47

    @Billy Elliot: Le assicuriamo il contrario. Il Movimento Impresa Palermo non solo è contro al ‘voto di scambio’ ma rimanderà al mittente ogni tentativo di ‘domanda’.

  6. Nino Bixio ha scritto:
    il 29/11/2011 alle 13:59

    Forza Tommaso, ci vuole gente come te in questa città. Per devi essere più vicino, così da quello che leggo e sento di te sembri troppo su di un piedistallo. Cerca di essere più alla portata e conqusterai i cuori dei palermitani. Firmato, un tuo possibile fan…

  7. Tommaso Dragotto ha scritto:
    il 29/11/2011 alle 16:11

    Caro Nino, io sono un uomo come te e come molti altri. Se stare in un piedistallo significa dirigere un’azienda nazionale, purtroppo è un atto obbligato. Ma, credimi, vado al cinema come te. In pizzeria come te. Faccio sport come te. Mi diverto come te. Vado al Palab ed in altri locali come te. Amo la vita come te. Mi piace viaggiare come te. Insomma, sono un cittadino normale come te e come tutti gli altri. A presto.

  8. Laura ha scritto:
    il 29/11/2011 alle 16:48

    Il voto di scambio trova terreno fertile in territori poveri, dove la disperazione per un lavoro che non c’è o la mancanza di prospettive futuro la fanno da padrone. Il politico che usa tale strumento approfitta del bisogno, alimenta speranze vane e mortifica la sua terra. Sono stanca di pensare che tutto continuerà ad essere sempre uguale. Ho bisogno di vivere in una città normale, con governanti onesti e che amano i loro cittadini.

  9. Nino Bixio ha scritto:
    il 29/11/2011 alle 17:12

    caro Tommaso,

    chi ti dice che io vado al Palab??? Non posso permettermi una vita mondana perchè sono disoccupato, lavora solo mia moglie e campiamo in 3 con soli 1200 euro al mese! Questo è quello che devi capire, cioè che non puoi pretendere di proporti come nuovo Messia, è un atteggiamento indisponente. Facci vedere i fatti, le proposte, sii propositivo e non cadere nel tranello di rispondere sullo stesso piano di quelli che ti criticano e dicono cose contro di te. a noi cittadini non ce ne può fregà de meno!!! Capito? Vogliamo fatti, non sciarrie inutili, siamo stanchi di questo, cacchio!

  10. stefano ha scritto:
    il 29/11/2011 alle 17:51

    Scusa, Nino, ma puoi illuminarci sul perché Dragotto stia facendo il Messia?

    Non ha mai fatto politica prima di oggi. Non pensi che bisogna metterlo alla prova anziché criticarlo a priori?

  11. Nino Bixio ha scritto:
    il 29/11/2011 alle 18:41

    assolutamente, ma conosco gente che ha incontrato e che poi ha abbandonato a se stessa. se vuole il cuore dei palermitani ha i mezzi per conquistarli ma non può fare il “solito politico” che prima incontra e poi manda a quel paese! quindi più attenzione alla gente, alle idee, alle proposte! io sono stanco di profittatori, di essere pagato una miseria per lavorare come un cane… tant’è che adesso sono pre disoccupato, anzi, lavoro gratis sperando che un giorno mi diano qualcosa. questa è la vergogna di palermo!

  12. Santi ha scritto:
    il 29/11/2011 alle 18:49

    Nino ha ragione, chi vuole fare o fa già politica ormai ha un modo di porsi arrogante e fastidioso. spero che il dottore dragotto non cada in errore come lo stesso nino dice!

  13. Marina ha scritto:
    il 29/11/2011 alle 18:52

    Il presidente Dragotto è persona intelligente e sa come trattare tutti, lo so perchè l’ho conosciuto al mercato. e spero non cade mai in errore… seppoi saresse pure in crado di fare posti ri lavoro megghio, ho 2 figgli giovani disoccupati!

  14. vergogna ha scritto:
    il 29/11/2011 alle 19:07

    non se ne può più, è una vergogna!!! VIVA DRAGOTTO!!!!!

  15. Mattia Cassani ha scritto:
    il 29/11/2011 alle 23:51

    Dragotto compra il Palermo! Ci voglio tornare ma con Zamparini no! E poi non ce credo mica che Dragotto sei stupido, sei troppo intelligente e puoi fare bene ai palermitani!

  16. Rob ha scritto:
    il 30/11/2011 alle 00:42

    Se non cambiamo mentalità e lasciamo che la mafia si intrufoli anche nella politica, Palermo andrà sempre più in basso..

Lascia un commento




È permesso l'uso dei seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>