SE TI SBARAZZI DI LUI NOI CI SBARAZZIAMO DI TE
Campagna di promozione sociale contro l'abbandono degli animali
DENUNCIA I DISSERVIZI DEL TUO QUARTIERE
I tuoi commenti serviranno a far sì che il blog sia in linea con le vere problematiche che affliggono la nostra città
Altri articoli

Commenti recenti

Blogroll

Giuseppe Romano e il dramma di chi ha perso il lavoro

Pubblicato il 22/03/2012
Parole chiave: , , , ,
Pubblicato in Lavoro | 1 Commento »

All’inizio di febbraio ha chiuso i battenti la storica cartolibreria di Palermo ‘De Magistris Bellotti‘. Vicenda su cui è intervenuto anche il presidente del Movimento, Tommaso Dragotto (cliccate qui per leggere il post).

Alla convention di ‘Impresa Palermo’, che si è svolta l’11 marzo scorso, tra i cittadini saliti sul palco, c’è stato anche Giuseppe Romano, uno dei dipendenti che ha perso il lavoro, dopo oltre 30 anni di impiego.

Ecco il suo intervento:

Riprese e montaggio di Cristiano Baio.

Condividi:

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Print

Potrebbero inoltre interessarti...

  1. La Palermo di ieri nel video di Giuseppe Romano
  2. Dragotto: “Risolvere il dramma degli over 50 disoccupati”
  3. L’amore ai tempi del colera
  4. Odissea Keller: il dramma degli operai
  5. A Palermo la ‘Marcia per il lavoro produttivo’
  6. La filosofia di chi si gira i pollici durante il lavoro e l’Amia licenzia.
  7. Finanziaria: Sud emergenza lavoro
  8. Allarme lavoro
  9. Il dramma dei ‘senza casa’ di via Messina Montagne
  10. Donne nel mercato del lavoro: misurare i progressi e identificare le sfide

Un commento a “Giuseppe Romano e il dramma di chi ha perso il lavoro”

  1. Social Sicilia » Il dramma di chi perde lavoro a 50 anni ha scritto:
    il 22/03/2012 alle 11:43

    [...] Cliccate qui per vedere il video del suo intervento [...]

Lascia un commento




È permesso l'uso dei seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>